ESP32 (1) – Introduzione

luca 03/12/2016 0

Sicuramente avrete già sentito parlare del chip wifi  esp8266, prodotto da Espressif. Apparso sugli store cinesi a metà 2014, inizialmente ha avuto successo come “ponte” per collegare i diversi microcontrollori (in primis Arduino) alle reti wifi grazie al costo molto più basso (circa 5$ a modulo) rispetto alle soluzioni precedenti.

esp32-01

Visto che il firmware di base non era molto ben documentato, conteneva diversi bugs e offriva soltanto funzionalità standard (tramite comandi AT), la community ha sviluppato diversi firmware alternativi (il più famoso dei quali è sicuramente NodeMCU), utilizzando appieno le potenzialità del chip per realizzare sistemi completi, senza bisogno di microcontrollori esterni:

esp32-02

ESPToy, di Rayshobby

Se volete approfondire l’utilizzo del chip esp8266, l’amico Mauro Alfieri ha scritto ottimi tutorial in italiano sul suo blog.

A Settembre 2016, dopo una fase di beta testing durata alcuni mesi, Espressif ha annunciato e reso disponibile il successore del chip esp8266, chiamato ESP32.

Le caratteristiche principali di questo nuovo chip sono le seguenti:

  • Processore Tensilica LX6 dual core a 240 MHz
  • 520Kb di memoria SRAM
  • Connettività wifi 802.11 b/g/n (supporto per WEP, WPA/WPA2 PSK/Enterprise)
  • Connettività Bluetooth (classica e LE)
  • 32 PIN di I/O con diverse periferiche disponibili
  • accelerazione hardware per algoritmi di sicurezza (AES, SHA2, RSA-4096)

Inizio con questo post una serie di tutorial che andranno ad esplorare l’utilizzo di questo nuovo chip per realizzare sistemi e progetti IoT.

Per poter funzionare, il chip ESP32 ha bisogno di alcuni componenti esterni: una memoria flash (dove memorizzare il firmware e i dati), un quarzo (per il RTC), una antenna ed alcuni componenti passivi. Per questo si trovano in vendita dei moduli già pronti:

esp32-03

A sinistra il modulo ufficiale, rilasciato da Espressif (ESP-WROOM-32) mentre a destra il modulo di Ai-Thinker (ESP-32S).

Sui vari siti di componenti elettronici si trovano inoltre delle development boards complete di modulo ESP32, circuito di alimentazione, connettore USB… insomma pronte per iniziare a sviluppare i nostri progetti!

Il sito esp32.net mantiene una lista aggiornata di tali board; per i miei tutorial ho deciso di utilizzare la board ufficiale di Espressif, chiamata ESP32-DevKit3ESP32-CoreBoard. Ho acquistato la mia da Olimex:

esp32-06 esp32-05

Osservando lo schema della scheda, vediamo come essa contenga il modulo ESP32, un regolatore di tensione (NCP1117) per abbassare i 5V – forniti via USB – ai 3.3V necessari per il funzionamento del chip, un adattatore USB-seriale CP2102 e un paio di pulsanti. Inoltre tutti i PIN più importanti sono disponibili sui due connettori esterni:

esp32-04

Nel prossimo articolo vedremo come installare l’ambiente di sviluppo e scrivere il primo programma!

Leave A Response »

Questo sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi